no images were found


L’identità estetica dei libri


by Domus

Con il suo ultimo lavoro, l’artista mantovana Emanuela Ligabue, propone una collezione di volumi in legno focalizzandosi unicamente sulla grafica di alcune delle più note e storiche collane dell’editoria italiana. Se è vero che la copertina è “la vetrina” di presentazione di un libro, Ligabue ne propone una versione epurata. Abbiamo apprezzato il minimalismo che emerge da questo approccio che procede per sottrazione, togliendo al libro quasi tutte le sue componenti. Sparisce il titolo, ma anche il nome dell’autore, dell’editore e della collana. Il libro è privato delle proprie pagine e della possibilità di poter essere aperto e sfogliato; esso si libera dall’avere un contenuto rappresentando unicamente se stesso come unità, come oggetto. Un omaggio agli editori che, attraverso la grafica, sono stati capaci, nel tempo, di esprimere un’identità estetica fatta di pochi segni, colori e forme, rendendosi riconoscibili gli uni dagli altri.
Il progetto è stato presentato a Milano in occasione di Bookcity, appuntamento dedicato a un’editoria che sta cercando di orientarsi tra nuovi paradigmi di produzione, fruizione e comunicazione senza perdere la propria appartenenza editoriale.
Per visitare il sito dell’artista, clicca qui