Il Ponte degli artisti


by Lorenzo Morelli, studente di Architettura, Università di Pescara

2
Immagine 1 di 3

Anche quest’anno, Domus ha invitato quattro Università a collaborare in occasione della Design Week. Ringraziamo anticipatamente i venticinque studenti o neolaureati che, nei prossimi giorni, animeranno il blog loves.domusweb.it.
____________________

In questi giorni, guardandomi intorno, ho osservato che ci sono alcuni luoghi comuni, se così possono essere definiti, che caratterizzano e diventano segni che contraddistinguono la settimana del Fuorisalone. In particolar modo, uno di questi ha colpito la mia attenzione: il “Ponte degli artisti”. Si tratta, infatti, dell’unico accesso pedonale dal piazzale della Stazione Porta Genova, dove migliaia di persone arrivano per dirigersi verso Via Tortona, sede di importanti manifestazioni durante la kermesse milanese. Decadente in maniera affascinante, è impregnato di storie e momenti visibili sulle sue pareti dove i passanti, con il tempo, hanno lasciato qualche pezzo di loro stessi. Basta guardarsi un po’ intorno ed è possibile trovare locandine di eventi passati, frasi di celebri artisti del nostro tempo, o addirittura istallazioni che rendono ancora più suggestivo questo crocevia di persone con linguaggi e provenienze diverse. Di per sé, ha dimensioni visibilmente ridotte, soprattutto se paragonato alla mole di gente che l’ha vissuto in questa settimana, ma è proprio questa la caratteristica che lo rende speciale diventando esso stesso un ulteriore evento che va ad aggiungersi alle altre numerose tappe, a cui bisogna assolutamente partecipare per poter dire di aver vissuto davvero la Design Week. A causa delle sue dimensioni ridotte, si creano lunghe file, al cui interno vanno a fondersi discorsi e momenti che hanno sapori, linguaggi e intensità ognuna diversa dall’altra, singoli istanti che diventano un tutt’uno.