Failures. Process beyond success: Louis de Belle


by Maria Beccaria Balduzzi, neolaureata in Architettura, Politecnico di Milano

lovesdomus-domusweb-failed-dioramas-1
Immagine 1 di 2

Failed Dioramas, Louis De Belle

Anche quest’anno, Domus ha invitato quattro Università a collaborare in occasione della Design week. Ringraziamo anticipatamente i venticinque giovani studenti o neolaureati che, nei prossimi giorni, animeranno il blog loves.domusweb.it.

____________________

‘Failures. Process beyond success’. Questo è il titolo scelto da raumplan per il progetto collettivo esposto all’interno della Cascina Cuccagna per la Milan Design Week 2016.
Camminando tra le stanze è ben chiaro il tema principale dell’esposizione, ovvero quello del fallimento. Si respira il desiderio di mostrare il processo di produzione dei lavori di artisti e designer, gli errori da cui nascono nuove idee, i flop e i processi intermedi, prima di giungere alla creazione finale. I contributi di maestri della storia del design, progettisti e designer contemporanei si alternano tra serie di sedute, lampade e tavoli, elegantemente esposti su tavoli di ferro. Tra questi oggetti, nella stanza numero 9, colpiscono le scatole di cartone di Louis de Belle contenenti la serie di fotografie ‘Failed Dioramas‘. Attraverso le immagini, Louis rivela il fallimento del collezionista, la sua Wunderkammer (camera delle meraviglie). Le fotografie svelano l’abbandono di oggetti particolari come trofei di caccia e animali tassidermizzati insieme ad oggetti ordinari come stampanti e computer. La diversità degli oggetti e il loro casuale posizionamento nello spazio dell’appartamento creano strane combinazioni tra loro, atmosfere atipiche che si distaccano completamente dal concetto di esposizione di una collezione, ma che secondo Louis può essere anche letto come un genere di still life.
L’installazione è anche lei parte integrante dell’opera. Le fotografie sono disposte per essere viste in maniera zenitale, per scoprirle bisogna girarci attorno e soddisfare la curiosità.

Louis de Belle, dopo aver studiato al Politecnico di Milano, ha conseguito nel 2016 un Master in fotografia al Bauhaus Universität di Weimar. Attualmente vive e lavora tra Milano e Berlino.