Dolce&Gabbana: Frigorifero d’Arte


by Mirco Crisante, studente di Architettura, Università di Pescara

1
Immagine 1 di 8

Anche quest’anno, Domus ha invitato quattro Università a collaborare in occasione della Design Week. Ringraziamo anticipatamente i venticinque studenti o neolaureati che, nei prossimi giorni, animeranno il blog loves.domusweb.it.
____________________

Mentre attraversavo la vecchia sala cinematografica del Metropol, sapientemente restaurata in stile total black dallo Studio +ARCH, e destinata da Domenico Dolce e Stefano Gabbana a spazio polivalente dove si incrociano le luci delle loro fascinose sfilate con i più svarianti eventi culturali della città meneghina, riflettevo sulla genialità di questi due stilisti che nella loro maturità professionale hanno dato il via a un vero e proprio rinascimento dell’arte italiana. Sfavillanti luminarie delle feste di paese fanno corona alla galleria dove sono esposti circa dodici frigoriferi Smeg, sapientemente decorati con i soggetti e la policromia dei carretti siciliani. Dal frigorifero, semplice oggetto della nostra quotidianità, il genio di Dolce e Gabbana ha sublimato in una fusione del tutto particolare l’arte, la tecnologia domestica, la tradizione e l’eleganza. Profondamente colpito dal caleidoscopio di colori ammirati nella magica atmosfera del Cinema più famoso di Milano, ho raggiunto telefonicamente Stefano Gabbana, in procinto di tornare dal Brasile, a cui ho chiesto il perché di questa nuova e originale opzione.
Mirco Crisante: Caro Stefano, con Voi tutto inizia dalla Sicilia, attraversa l’Italia e da Milano il gusto e l’eleganza si irradiano al mondo intero. Fino a ora moda del vestire ed accessori. Come mai avete pensato anche agli elettrodomestici?
Stefano Gabbana: Una delle più antiche e prestigiose aziende italiane di elettrodomestici, la SMEG, ci ha proposto di curare l’aspetto estetico di un frigorifero che si ispira ad uno dei loro primi modelli. Noi abbiamo pensato di farlo dipingere da artisti siciliani, vestendolo come uno dei caratteristici carretti dell’Isola per il motivo che tu citi all’inizio della domanda.
MC: Qual’è il motivo di questa vostra operazione che vuole impreziosire gli oggetti legati alla vita quotidiana?
SG: Il senso è di espandere il nostro stile a qualsiasi oggetto che, nell’utilità della vita di tutti i giorni, possa essere rappresentativo del nostro gusto e del nostro senso estetico e che celebri e si ispiri al nostro Paese.
La nuova arte di Dolce6Gabbana fa conoscere e riscoprire l’eccellenza del gusto italiano. Una valida soluzione al periodo di crisi che attanaglia anche la nostra Penisola passa per la moda e per l’estetica. Al cinema Metropol si rivivono quindi la semplicità e l’allegria di una festa di paese che riecheggia lo stupore delle descrizioni del letterato francese Jean Baptiste Gonzalve de Nervo nel suo viaggio in Sicilia del 1833.

Gli artigiani Siciliani
Per scoprire di più sul progetto Frigorifero d’Arte >>> www.dolcegabbana.it