Come gli altri vedono


by Greta Burtini, studentessa di Architettura presso l'Università di Pescara

Vi siete mai chiesti cosa provino le altre persone mentre vedono quello che anche voi state guardando nello stesso istante?
Questa è stata una domanda per me ricorrente durante i tre giorni trascorsi a Milano in occasione del Salone del Mobile, ha letteralmente invaso la mia mente in più occasioni e ho quindi deciso di dedicare questo mio piccolo articolo alle mille persone che, in questa settimana di Arte e Design, hanno attraversato il frenetico capoluogo lombardo. Giunta al secondo anno di Salone del Mobile come studente reporter per Domus, mi sono resa conto che il vero protagonista di questo evento sia soprattutto il pubblico che, entusiasta, si aggira per le vie con fare attento, come se tentasse di vedere, sentire e percepire il più possibile.
Oltre a osservare mobili, sedie, divani, installazioni, lampade, materiali d’innovazione e quant’altro, ho cercato di cogliere le espressioni e i comportamenti che mi sono sembrati un po’ fuori dalla norma, come facce buffe, espressioni sbalordite, visi spenti, esausti e, in alcuni casi, perfino un po’ annoiati!
Una delle cose più belle per un’appassionata di fotografia, è cogliere, con uno scatto, il modo con cui le persone si rapportano ai luoghi, alle situazioni o, più semplicemente alle piccole cose, come una sedia o una lampada.

2
Immagine 1 di 10