Author:
Domus
Published:
April 13, 2016
Categories:
Architecture Design Education News Visual arts

Anche quest’anno, Domus ha invitato quattro Università a collaborare in occasione della Design week. Ringraziamo anticipatamente i venticinque giovani studenti o neolaureati che, nei prossimi giorni, animeranno il blog loves.domusweb.it.

____________________

Attraversando il monumentale edificio della XXI Triennale di Milano, mi è impossibile resistere alla tentazione di aprire il fedele taccuino per disegnare tutto, o quasi, ciò che si ha la fortuna di poter incontrare. In particolar modo, scendendo i gradini che conducono al giardino, si ha l’occasione di assistere ad un evento straordinario: Arch and Art. Cinque padiglioni pensati da altrettante coppie formate da un architetto ed un artista, colpiscono per le loro differenze e per la loro apparente disposizione casuale. In realtà, questa forte eterogeneità di morfologie, cromatismi e materiali non risulta penalizzante, al contrario immette in un’atmosfera nella quale la diversità diviene valore e non criticità. Soffermarsi a vivere gli spazi progettati dal ritrovato dualismo architettura/arte fa fermare a riflettere su come, dopo molti secoli, all’utilitas e alla firmitas, ormai unici requisiti ritenuti essenziali per l’architettura, torna ad aggiungersi la venustas, propria della disciplina dell’arte, rinnovandosi quella triade indissolubile che descriveva Vitruvio nel suo antico trattato. Una sola domanda resta irrisolta: sarà una isolata rievocazione di un passato ormai lontano o un evento ante litteram di un possibile reale riavvicinamento delle due discipline?